Psicologo e Psicoterapia Bambini e Adolescenti a Salerno, Napoli, Avellino e Firenze

TERAPIA INDIRETTA

Il mio punto di vista sul trattamento psicoterapico dei bambini e dei pre-adolescenti, fino a 12-13 anni, è che non debbano essere trattati direttamente.

Ritengo pericoloso il processo di Etichettamento Diagnostico a cui verrebbero sottoposti. Il rischio è quello di farli sentire “anormali” e “diversi”.

In questi casi la strategia utilizzata è quella di una Terapia Indiretta. L’intervento viene effettuato senza mai vedere il bambino. Il tutto viene svolto attraverso il coinvolgimento dei genitori, che saranno dei veri e propri co-terapeuti guidati da precise indicazioni comportamentali da mettere in atto nelle diverse situazioni.

L’obiettivo è quello di rendere i genitori dei punti di riferimento affidabili per il bambino, dei veri e propri modelli di vita. Il tutto grazie all’applicazione di una serie di stratagemmi atti ad abbassare le resistenze e di riorientare gli equilibri di tutto il sistema.

Quali sono i disturbi più frequenti nei bambini e nei pre-adolescenti?

  • Comportamento oppositivo-provocatorio
  • Psicoastenia
  • Fobia scolare
  • Disturbo ossessivo-compulsivo
  • Disturbo alimentare
  • Paranoie o manie di persecuzione

Comportamento oppositivo–provocatorio:
il bambino si oppone costantemente alle regole e/o ai divieti attraverso condotte disturbanti che talvolta possono evolversi in comportamenti distruttivi rivolti ad oggetti e persone. Questi comportamenti rappresentano una modalità per attirare l’attenzione. Se non trattato nel modo giusto, più tardi durante l’adolescenza questi comportamenti possono sfociare in vera e propria violenza, agita sia verso se stessi che gli altri.

Psicoastenia:
il bambino è estremamente silenzioso ed obbediente. Tende a chiedere aiuto continuamente agli altri oppure al contrario, a chiudersi difensivamente. Nelle famiglie di questi bambini almeno uno dei genitori tende a sostituirsi completamente al figlio, sono iperprotettivi. Anche fuori i genitori tendo a chiedere l’inclusione del proprio figlio nel “gruppo” di amici. Le difficoltà peggiorano nell’adolescenza dove il ragazzino si isola, ha scarse relazioni sociali, e in modo più eclatante di ciò che accade nel bambino non si ribella mai, vivendo in uno stato di chiusura significativo. Può, se non riconosciuto e/o trattato, sfociare in uno stato di disturbo di personalità border e/o psicosi, così come in gesti auto lesivi importanti.

Fobia scolare:
il bambino ha in questi casi un attaccamento morboso con uno o entrambi i genitori. Alla separazione manifesta la sua paura di allontanarsi con il pianto e anche i genitori manifestano l’ansia da separazione dal figlio. Una delle tentate soluzioni messe in atto è quella di rimanere più tempo a scuola col bambino, oppure andare a prenderlo prima.

Disturbo ossessivo-compulsivo:
il bambino mette inizialmente in atto dei comportamenti che gli servono per propiziare qualcosa oppure per prevenire che ne accadano altre o per riparare a qualcosa che ha fatto. Il senso di sollievo temporaneo seguito da questi comportamenti porta alla loro reiterazione fino a che non diventano irrefrenabili, compulsivi. Spesso questi comportamenti vengono scambiati per Tic. Se non trattati in adolescenza possono evolversi in disturbi ossessivo compulsivi conclamati e strutturati.

Disturbo alimentare:
nei bambini non possiamo parlare di veri e propri disordini alimentari, in questi casi si tratta degli effetti di una paura associata al cibo. Se non viene riconosciute ed affrontate nel modo giusto possono portare in adolescenza a veri e propri disordini alimentari: anoressia, bulimia, vomiting o binge eating. Negli adolescenti di sesso maschile sono più frequenti l’exercising e l’ortoressia.

Paranoie o manie di persecuzione:
ragazzi che sorridono raramente e mostrano difficoltà relazionali con frequenti reazioni aggressive. Tendono ad essere molto violenti sia verso se stessi che verso gli altri.

BIBLIOGRAFIA:

  • Nardone, G. e il centro di terapia strategica (2012), “Aiutare i genitori ad aiutare i figli. Problemi e soluzioni per il ciclo della vita”, Ponte alle Grazie, Milano.
  • Nardone, G., Giannotti, E., Rocchi, R. (2001), “Modelli di famiglia”, Ponte alle grazie, Milano.
Cerchi uno Psicologo ad Avellino?
Lo Psicologo Antonio Melillo riceve a Avellino in via Chiaria, n.12/A
Cerchi uno Psicologo a Firenze?
Lo Psicologo Antonio Melillo riceve a Firenze in via Andorra n.4
Cerchi uno Psicologo a Salerno?
Lo Psicologo Antonio Melillo riceve a Salerno in Piazza Mazzini n.4

DISTURBI e PROBLEMI TRATTATI:

DEPRESSIONE – TERAPIA DI COPPIA - ANSIA - COMPULSIONI - COACHING – ATTACCHI DI PANICO - PAURA DI GUIDARE – ANGINOFOBIA - BASSA AUTOSTIMA – GESTIONE DELLA RABBIA – OSSESSIONI- TRAUMI – LUTTO – DIPENDENZE – PROBLEMI RELAZIONALI – FOBIE – PROBLEMATICHE E DISTURBI SESSUALI - AGORAFOBIA - DISTURBO POST-TRAUMATICO DA STRESS - OSSESSIVO COMPULSIVO - ANORESSIA - BULIMIA - VOMITING - IPOCONDRIA - BINGE EATING - SHOPPING COMPULSIVO - GIOCO D'AZZARDO - DIPENDENZA DA INTERNET - Information Overloading Addiction: quando le informazioni non bastano mai - SCOMMESSE IN RETE - ANSIA DA PRESTAZIONE - FOBIA SCOLARE - PROBLEMI SCOLASTICI